Online Advertising vs. Protezione die dati: Controsenso o armonia?

Quali tra i vostri dati personali sono i più importanti? Come la maggior parte delle persone, probabilmente stai pensando alla tua data di nascita, indirizzo, numero di telefono, e-mail password e informazioni sulla carta di credito o sul conto bancario. Vogliamo evitare che questi dati finiscano in mani sbagliate in qualsiasi circostanza. Per questo motivo li trasmettiamo solo a persone selezionate e per uno scopo specifico.

Trasparenza dei dati

Con l’attuazione del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), la protezione dei dati è apparsa improvvisamente sulla bocca di tutti. Chiunque raccolga dati personali in qualsiasi modo, sia offline che online, deve indicare quali dati vengono raccolti e per quale scopo vengono utilizzati. Anche gli studi medici, le associazioni, i blogger o le grandi imprese ne sono colpiti. Non importa se i dati vengono utilizzati solo a scopo documentale o informativo, statistico o pubblicitario.

Datenschutz

Dopo gli scandali sulla gestione dei dati, come quello che ha interessato Facebook e Cambridge Analytica, molte persone si chiedono quali dati vengono effettivamente raccolti su di loro e su quanto le aziende online ne siano effettivamente a conoscenza. Dopo gli scandali sui dati come quello che ha interessato Facebook e Cambridge Analytica, molte persone si chiedono quali dati vengono effettivamente raccolti su di loro e su quanto le aziende online ne siano effettivamente a conoscenza. Se vengono svelati dati personali online, raramente si tratta dei dati di cui sopra, come il numero di telefono o i dati della carta di credito. Qui avviene lo stesso: se si forniscono tali dati, di solito avviene in modo consapevole e per uno scopo specifico, ad esempio perché si ordina qualcosa.

Mi stanno spiando?

Sempre più dati vengono raccolti quando si naviga in Internet. Non appena si visita un sito web e si accettano i cookie, vengono memorizzate le informazioni su ciò che si è visto. Questo è particolarmente importante per advertiser come noi. Questo perchè vogliamo mostrarvi delle pubblicità che suscitano il vostro interesse, attirando la vostra attenzione sui prodotti che vi piacciono.
La cosa importante è: i dati vengono collezionati in forma anonima, quindi sappiamo chi tu sia. Non vogliamo nemmeno sapere chi è seduto davanti allo schermo. Siamo interessati a ciò che avete visto su Internet e a quali prodotti potrebbero interessarvi.

Internet Datenschutz

Regolamento ePrivacy: Minaccia al marketing online?

Dopo che il GDPR ha già causato notevoli tensioni nel settore, il regolamento ePrivacy è già all’orizzonte, il che potrebbe avere conseguenze di vasta portata per il settore pubblicitario. In vista del nuovo regolamento, l’Interactive Advertising Bureau Europe (IAB) ha affrontato la questione di come i cittadini trattano i loro dati su Internet e, soprattutto, di come i dati vengono utilizzati nel marketing online. Questi argomenti sono trattati in una serie di video, ognuno dei quali affronta una questione specifica. Ciò dimostra che il diritto dei consumatori alla privacy e alla protezione dei propri dati non è in contrasto con l’uso dei dati a fini pubblicitari.

A cosa serve tutto questo Advertising?

Siamo onesti: siete disposti a pagare per utilizzare un sito web? Siamo abituati al fatto che le offerte online sono gratuite e vogliamo che continuino ad esserlo. Ma chiunque gestisca un blog o un sito web deve finanziarlo. E la maniera più semplice per farlo è attraverso l’Advertising. Alcuni hanno anche provato un pay wall, ma finora sono pochi gli utenti di Internet disposti a pagare per i contenuti online. Tuttavia, se si desidera che i siti web continuino ad essere accessibili gratuitamente, è necessario accettare anche la pubblicità – e quindi essere anche disposti a venire tracciati attraverso i cookie. Perché senza pubblicità molte offerte online non sarebbero realizzabili. E la maggior parte degli utenti lo sanno bene, come mostra un altro video IAB Europe:

I dati rendono la pubblicità più personale e quindi meno invadente.

Sarebbe meglio se la pubblicità online si adattasse ai vostri interessi, vero? Ma questo è possibile solo se conosciamo ciò che avete già cercato online e ciò che vi interessa. Questa è la base per il Retargeting. Un cookie memorizza informazioni su quale sito web o negozio avete fatto visita e quali prodotti avete considerato. Ciò significa che siete stati interessati all’offerta in questione e quindi prodotti simili vi verranno mostrati in seguito per suscitare nuovamente il vostro interesse.

Per poter utilizzare un sito web, attualmente è necessario dare il proprio consenso ai cookie. Tuttavia, la nuova normativa sulla ePrivacy potrebbe limitare notevolmente l’uso degli stessi. Pertanto, è necessario trovare nuovi modi per adattare la pubblicità agli interessi dell’utente senza ricorrere al tracking dei cookie. Si verificheranno sicuramente alcuni sviluppi, indipendentemente dal fatto che il regolamento e-Privacy entri in vigore come previsto o meno. Perché il marketing (online) è in continua evoluzione.

Tipp: Tutti i video IAB e ulteriori informazioni su questo argomento sono disponibili all’indirizzo  datadrivenadvertising.eu.

Jennifer Maria Menegon
Jennifer Maria Menegon
tripadvisor flickr americanexpress bandcamp basecamp behance bigcartel bitbucket blogger codepen compropago digg dribbble dropbox ello etsy eventbrite evernote facebook feedly github gitlab goodreads googleplus instagram kickstarter lastfm line linkedin mailchimp mastercard medium meetup messenger mixcloud paypal periscope pinterest quora reddit rss runkeeper shopify signal sinaweibo skype slack snapchat soundcloud sourceforge spotify stackoverflow stripe stumbleupon trello tumblr twitch twitter uber vimeo vine visa vsco wechat whatsapp wheniwork wordpress xero xing yelp youtube zerply zillow px aboutme airbnb amazon pencil envelope bubble magnifier cross menu arrow-up arrow-down arrow-left arrow-right envelope-o caret-down caret-up caret-left caret-right